In Sicilia si riparte dalla cultura: porte aperte a Musei e Parchi regionali

Se è vero che l’arte rinnova i popoli – come recita l’iscrizione sul Teatro Massimo di Palermo – non può esserci ripresa post covid-19 che non contempli i luoghi in cui arte e cultura trionfano: i Musei. Siamo particolarmente felici che questo stia accadendo anche a Palermo, da inizio giugno, perché una rinascita fatta solo d’economia parlerebbe di un’umanità arida. Di questa ripartenza ho scritto su .itPalermo, dopo il mio tour entusiasta in alcuni dei Musei che hanno riaperto i battenti al pubblico!

Palazzo Abatellis, sede della Galleria regionale di Sicilia, ha riaperto nel suo splendore ph Patrizia Grotta

<<Prove di ripartenza per la cultura a Palermo, come in tutta Sicilia. Potremmo forse chiamare così la prima settimana di giugno per alcuni fra i musei cittadini. Solo che questa normalità non è proprio al 100% e per motivi ovvi. Noi siamo stati in giro per voi ed eccovi un reportage su ciò che abbiamo visto!

Musei: si riparte!

La notizia della riapertura dei siti museali e archeologici era da noi attesa alla stregua di un’oasi nel deserto. Dopo tre mesi di astinenza dalla bellezza artistica – questa insieme alle altre – ci eravamo risollevati nelle chiese monumentali già fruibili al pubblico, come la Cattedrale. Come un regalo inaspettato e per questo ancor più gradito, arriva quindi la comunicazione della riapertura dei siti regionali – gratuita per la prima settimana! Subito abbiamo messo in agenda un campionario fra quelli disponibili, scegliendo il Museo Salinas, la Galleria Abatellis, palazzo Riso e San Giovanni degli Eremiti. Vediamo com’è andata questa esplorazione nella ripartenza per la cultura palermitana?

Il kit per il buon visitatore: informazioni preliminari e regole da seguire nella ripartenza per la cultura

Prima regola: prenotare

Questa ripartenza per la cultura con la riapertura dei siti non si esime dai dettami covid-correlati. Regola preliminare da seguire è la prenotazione obbligatoria della visita, da fare qui. Prestate attenzione a questo dettaglio, poiché diversamente non vi sarà consentito l’ingresso. Non pensate di gestirla alla siciliana con frasi tipo: vabbè, dai, a che siamo qua facci entrare. In fase di prenotazione, vi sarà richiesto di scegliere giorno e fascia oraria fra quelli disponibili. A procedura ultimata, riceverete un’e-mail di conferma, da portare con voi (va bene sul cellulare) ed esibire all’ingresso. Il biglietto si paga sul posto. Vista la gratuità della prima settimana, ci saremmo attesi numeri consistenti, così abbiamo evitato come la peste sabato e domenica. In realtà, ognuna delle visite è sembrata una visita riservata: il mio accompagnatore ed io, più al massimo presenze sporadiche quasi mai incrociate. In molti casi, abbiamo contato più custodi che pubblico!>>

Continua a leggere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.